Giordano Ambrosetti

CONSIGLIERE COMUNALE Forza Italia Gruppo Consiliare Viviamo Locate

Archivio per MOZIONI

CONSIGLIO COMUNALE DEL 16 GIUGNO 2011 – O.D.G. INFRASTRUTTURA TOEM

Annunci

MOZIONE RISCATTO AREE LEGGE 167/1961

MOZIONE “ANZIANI ASSICURATI CONTRO LE TRUFFE”

Consiglio Comunale del 28 aprile 2010

APPROVATA ALL’UNANIMITA’ DEL CONSIGLIO COMUNALE LA MOZIONE
A FIRMA DEI CONSIGLIERI AMBROSETTI E ALGERI DEL GRUPPO PDL
LA MOZIONE “ANZIANI
ASSICURATI CONTRO LE TRUFFE”
.

 

Egregio Signor Sindaco, Egregi Assessori e Consiglieri Comunali

 Oggetto: MOZIONE “ANZIANI
ASSICURATI CONTRO LE TRUFFE”

 Preso atto

Che la popolazione della terza e quarta età incrementa ed è
giusto dedicare a questa parte di cittadini un’attenzione particolare. Sempre
più anziani vivono da soli e questo comporta tra i tanti disagi anche l’essere
esposti a fenomeni di delinquenza come truffe, furti e rapine che spesso
avvengono nelle loro abitazioni o in luoghi pubblici sul territorio. Bisogna,
aumentando gli interventi gia in essere, sostenere il bisogno di serenità e
sicurezza nella vita di tutti i giorni.

Considerato

che nell’ambito di alcune amministrazioni comunali, sono state
avviate coperture assicurative per tutelare gli anziani ed in alcuni casi, non
ci sono costi a carico delle Amministrazioni in quanto è possibile far
compensare tali spese sotto forma di pubblicità che le compagnie possono avere
sul territorio.

Ritenuto

che le coperture sono da destinare solo agli over 70 con reddito
annuo personale inferiore ai 17.500,00 euro e che tali coperture serviranno per
ripristinare i danni fino a € 500 per truffe, furti, rapine e scippi avvenuti
sia in abitazione sia in luoghi pubblici, sul territorio locatese e fino a
3.500 euro, senza alcuna franchigia, per eventuali spese mediche conseguenti ad
azioni criminose. È previsto inoltre l’invio, da parte della società
assicurativa, di muratori, falegnami o elettricisti per riparare eventuali
danni all’abitazione

IL CONSIGLIO COMUNALE IMPEGNA IL SINDACO E LA GIUNTA

Ad intraprendere iniziative a favore, di quanto definito in
oggetto , della tutela degli anziani

a valutare il numero di cittadini che possono usufruire di tale
copertura e presentare gara

d’appalto
tra le compagnie assicurative per verificare la possibilità di realizzare tale
iniziativa e

riportare
il tutto all’interno della terza commissione.

Locate
di Triulzi, 14 aprile 2010

Primo Consigliere Comunale presentatore e
firmatario:

GIORDANO AMBROSETTI

IGNAZIO ALGERI

Mozione avente ad oggetto: “Impugnativa del Governo in Corte Costituzionale avverso la legge regionale della Lombardia n. 19 del 6 agosto 2007 “Norme sul sistema educativo di istruzione e formazione della Regione Lombardia”.

Alla cortese attenzione del Signor Sindaco, e del Consiglio Comunale

 

 

MOZIONE

OGGETTO:

Mozione avente ad oggetto: “Impugnativa del Governo in Corte Costituzionale avverso la legge regionale della Lombardia n. 19 del 6 agosto 2007 “Norme sul sistema educativo di istruzione e formazione della Regione Lombardia”.

Prendendo atto:

 

         che su richiesta del ministro della Pubblica Istruzione Giuseppe Fioroni, la seduta del Consiglio dei Ministri di venerdì 28 settembre 2007 ha deliberato di impugnare davanti alla Corte costituzionale la legge regionale della Lombardia n. 19 del 6 agosto 2007 “Norme sul sistema educativo di istruzione e formazione della Regione Lombardia”;

         che l’articolo 117 della Costituzione assegna alle regioni competenza concorrente in materia di istruzione e competenza esclusiva in materia di istruzione e formazione professionale;

Considerato che

 

         La legge regionale 19 completa il rinnovamento del sistema integrato di istruzione, formazione e lavoro della Lombardia iniziato con la legge regionale 22 del 2006 sul mercato del lavoro.

         la legge regionale 19 è frutto di un lungo lavoro di confronto che ha coinvolto le parti sociali, datoriali, gli enti locali, le espressioni del mondo della scuola e della formazione (associazioni docenti, dirigenti scolastici, genitori, enti di formazione), e finanche gli Uffici periferici del Ministero della Pubblica Istruzione, alla fine del quale si è registrato un ampio consenso, ad esclusione della sola Cgil e di alcune espressioni della sinistra massimalista;

         non si ravvisano motivazioni di incostituzionalità per l’impugnativa governativa di una legge che risponde pienamente al dettato costituzionale e alla normativa nazionale vigente;

         la decisione del Governo rischia di aggravare la già preoccupante situazione della dispersione scolastica e formativa nella nostra provincia, cancellando la positiva esperienza dell’istruzione e formazione professionale, che in questi anni il sistema di istruzione e formazione professionale è riuscito a dare ai giovani una concreta occasione di crescita culturale e professionale.

 

                                                                                                          IL CONSIGLIO

         esprime il pieno sostegno alla legge regionale, che permette alle province di potenziare il sistema della formazione professionale e di integrarlo pienamente con il sistema educativo e con le politiche del lavoro, per lo sviluppo del  territorio;

         ritiene incomprensibile il ricorso presso la Corte Costituzionale del Governo che si rivela ancora una volta lontano dalle esigenze del nord del Paese, ignorando la volontà politica delle istituzioni e della società locale, con la conseguenza di rallentare le spinte propulsive del nostro territorio;

         chiede al Governo di ritirare il ricorso presentato in Corte Costituzionale avverso la legge regionale n. 19 del 6 agosto 2007 della Regione Lombardia.

 

 

 

 

I Consiglieri Comunali

 

Luciana Roncaglio

 Ivano Tadini

Giordano Ambrosetti

Marco Zancarini

SOTTOSCRIVE L’INTERROGAZIONE IL CONSIGLIERE LUCIANO CARPANA DEL GRUPPO CONSILIARE LEGA NORD

O.D.G. CONGIUNTO SULLA SICUREZZA > APPROVATO A MAGGIORANZA DEI PRESENTI

                                                                                                Al   Signor    SINDACO

          

                                                                                                                               Alla   GIUNTA COMUNALE

 

 

 

 

ORDINE  DEL  GIORNO

  

 Preso atto   della mozione “Azioni per la sicurezza dei cittadini” presentata in data 30/05/07 dai Gruppi Consiliari “Insieme per  Locate” e “Lega Nord-Padania”, evidenziante le problematiche relative alla sicurezza;

 – rilevata

.  l’importanza e la priorità che questa Amministrazione ha voluto e vuole dare alla vivibilità, ai momenti di socialità e quindi anche ai temi inerenti la sicurezza, sia come prevenzione che come controllo del territorio

.  che le implicazioni relative a detto tema sono estremamente complesse e che due sono gli elementi portanti su cui porre l’attenzione:

         l’opera indispensabile delle forze dell’ordine (nel ns. caso i Carabinieri e la Polizia locale) volta al contrasto ed alla prevenzione dell’attività criminosa;

         l’agire delle istituzioni al fine di creare le migliori condizioni possibili sia sociali che ambientali per attenuare questo senso di insicurezza presente nella cittadinanza.

 

 

 

– considerati  i più recenti interventi diretti ed indiretti posti in essere dall’Amministrazione Comunale che hanno visto:

 .  l’eliminazione di siti degradati  potenzialmente a rischio;

.  l’incontro del sindaco con il Prefetto del 2 agosto unitamente ai sindaci dei comuni limitrofi;

. l’aumento dell’organico della Polizia locale di una unità, unitamente all’assegnazione di un addetto amministrativo e la previsione in pianta organica di un ulteriore incremento di una persona,  al fine di un maggiore e mirato controllo del territorio, non solo riferito al presidio fisico ma soprattutto a quello conoscitivo delle varie realtà del ns. paese;

. la costante e proficua collaborazione con gli organi istituzionali preposti e con l’Arma dei Carabinieri che ha portato ad esempio al servizio sperimentale della “Stazione mobile” sul ns. territorio, oltre che all’incremento di organico della stazione di Pieve Emanuele;

 

 

 

 

– tenuto conto

. di un progetto in fase di sviluppo con la Provincia nell’ambito della “sicurezza partecipata” finalizzato alla gestione associata di alcuni servizi di Polizia locale con i comuni di Opera e Pieve Emanuele;

. che è allo studio un progetto di videosorveglianza a tutela del patrimonio edilizio comunale, scolastico e di particolare interesse pubblico;

 

 

Ritenendo necessario e prioritario proseguire l’opera intrapresa il Consiglio Comunale

 

 

 

 

  IMPEGNA IL SIG. SINDACO E  LA GIUNTA COMUNALE

 

 

  ad attivarsi affinché il servizio di “stazione mobile” dei Carabinieri diventi permanente;

 

– a definire ed intraprendere tutte le azioni, collaborazioni (con altre Istituzioni come Comuni limitrofi, Provincia, Regione, associazioni ecc.), finanziamenti e quantaltro possa portare ad un miglior presidio del fenomeno della sicurezza e ad una miglior vivibilità per i cittadini, nonché continuare una politica di partecipazione e socializzazione nel paese.

 

  

Locate di Triulzi, 26 settembre 2007

  

 

I Gruppi Consiliari di “LOCATE  DEMOCRATICA  E  POPOLARE”

                                    “INSIEME PER LOCATE”

                                    “LEGA NORD-PADANIA”

O.D.G.:AZIONI PER LA SICUREZZA DEI LOCATESI

O.D.G: AZIONI PER LA SICUREZZA DEI LOCATESI

 

Richiamate le nostre interrogazioni del 28 aprile 2005 avente ad oggetto la MAGGIORE SICUREZZA PER I CITTADINI LOCATESI e la successiva del 12 febbraio 2006 avente ad oggetto la SICUREZZA PER I CITTADINI LOCATESI VISTA LA RECENTE OCCUPAZIONE DELL’EX SIVA

 

Visto che ai componenti del nostro Gruppo Consiliare negli ultimi mesi sono stati ripetutamente segnalati episodi  sempre più frequenti di  furti in appartamenti, nei box, in negozi e scippi a persone;

Vista la Mozione ANCI del 17 aprile 2007 la richiesta al Governo ed al Parlamento di sostegno ai comuni nell’esercizio delle funzioni amministrative di cui sono titolari al fine di far aumentare il livello di sicurezza delle città agendo con azioni che si basino sul rispetto delle regole e su politiche di integrazione sociale.

Rilevato che le nostre richieste relative a:

          Incremento dei servizi di vigilanza sul territorio da parte della Polizia Municipale;

  installazione di sistemi di videosorveglianza a garanzia della sicurezza dei cittadini    anche a salvaguardia del patrimonio comunale per le aree sensibili, come Piazza  della Vittoria e i  Parchi Pubblici;

          sensibilizzazione della cittadinanza affinchè vengano segnalate alle forze dell’ordine eventuali azioni sospette

ad oggi come al solito non sono state prese in alcun modo in considerazione dalla Maggioranza che governa  la nostra comunità;

Considerato che la maggioranza che governa la Provincia di Milano ha bocciato in Consiglio provinciale la proposta di Forza Italia di organizzare una riunione a Palazzo Isimbardi dove invitare i Sindaci del Milanese e le altre realtà interessate al fenomeno della Sicurezza nel nostro territorio;

Ritenendo necessario e doveroso promuovere opportune iniziative a salvaguardia dei nostri concittadini

 

IL CONSIGLIO COMUNALE

IMPEGNA IL SINDACO E LA GIUNTA

 

In un breve arco di tempo a trovare le opportune risorse economiche per attivare un servizio di controllo del territorio nei periodi notturni e festivi dove non è in servizio la nostra Polizia Municipale.

 

 

I Consiglieri Comunali

 

Luciana Roncaglio

Ivano Tadini

Giordano Ambrosetti

Marco Zancarini

 

Locate di Triulzi, 30 maggio 2007

 

  • Presentato in occasione del C/C del 30-05-2007 verrà iscritto e discusso in occasione del prossimo C/C.

 

FINANZIARIA 2007 UNA STANGATA PER GLI ENTI LOCALI

MOZIONE URGENTE :  Contro quanto proposto dal Disegno di Legge Finanziaria 2007 che delinea una “stangata” sui tributi locali

 

 

VISTO

 

quanto previsto dal Disegno di Legge Finanziaria per il 2007 nel Capo V (Disposizioni di

carattere fiscale concernenti gli enti territoriali) al cui art. 7 (Variazioni dell’aliquota di

compartecipazione dell’addizionale comunale all’IRPEF) comma 3 viene dichiarato:

 “I comuni, con regolamento adottato ai sensi dell’articolo 52 del decreto legislativo 15 dicembre 1997, n. 446, possono disporre la variazione dell’aliquota di compartecipazione dell’addizionale di cui al comma 2 con deliberazione da pubblicare nel sito individuato con decreto 31 maggio 2002 emanato dal Ministero dell’economia e delle finanze di concerto con il Ministero della giustizia e il Ministero dell’interno. L’efficacia della deliberazione decorre dalla pubblicazione nel predetto sito informatico. La variazione dell’aliquota di compartecipazione dell’addizionale non può eccedere complessivamente 0,8 punti percentuali. La deliberazione può essere adottata dai comuni anche in mancanza dei decreti di cui al comma 2.”

 

VISTO INOLTRE

il successivo art. 8 (Imposta di scopo per la realizzazione di opere pubbliche) che recita:

“A decorrere dal 1° gennaio 2007 i comuni possono deliberare con regolamento, adottato ai sensi dell’articolo 52 del decreto legislativo 15 dicembre 1997, n. 446, l’istituzione di un’imposta di scopo destinata esclusivamente alla parziale copertura delle spese per la realizzazione di opere pubbliche individuate dai comuni nello stesso regolamento tra quelle indicate nel successivo comma 5.”

 

CONSIDERA

 

quanto proposto dal Disegno di Legge Finanziaria 2007 agli articoli citati come basi per il delinearsi di una “stangata” locale.

Il Governo essendo incapace di intervenire sul controllo della spesa centrale opta per tagliare quanto trasferito agli enti locali, concedendo loro, però, maggiori margini di autonomia impositiva.

  

CHIEDE

 

all’Amministrazione Comunale per il prossimo anno di:

1.      non disporre la variazione dell’aliquota di compartecipazione Comunale IRPEF, in quanto l’impostazione della Finanziaria 2007, che prevede le DETRAZIONI, evidenzierà degli aumenti pur con l’aliquota invariata;

2.      non istituire l’Imposta di scopo per la realizzazione di opere pubbliche;

3.      non aumentare l’aliquota ICI e di prevedere una “Clausola di Salvaguardia” nella ipotesi – molto concreta – degli aggiornamenti dei valori Catastali.

 

  

 

I Consiglieri Comunali

 

Luciana Roncaglio

 

Ivano Tadini

 

Giordano Ambrosetti

 

Marco Zancarini

  

 

 

Locate di Triulzi, 23 novembre 2006