Giordano Ambrosetti

CONSIGLIERE COMUNALE Forza Italia Gruppo Consiliare Viviamo Locate

Archivio per DELIBERE DI CONSIGLIO

DELIBERE CONSIGLIO n.55 del 27/11/2007

DELIBERE CONSIGLIO n.55 del 27/11/2007

COMUNE DI LOCATE DI TRIULZI

Provincia di Milano
AREA AFFARI GENERALI

IL CONSIGLIO COMUNALE

Il Sindaco illustra la proposta relativa all’approvazione della bozza di convenzione per la realizzazione di progetti per la sicurezza urbana da stipulare con i corpi di Polizia Provinciale di Milano e i Comuni di Opera e Pieve Emanuele.

Essa va ad implementare i servizi di sicurezza che attualmente svolgono i corpi di Polizia Locale. E’ un’iniziativa finanziata per un anno anche se la durata prevista è di cinque anni. Il contributo maggiore proviene dalla Provincia di Milano.

Il Consigliere Roncaglio chiede spiegazioni in merito al finanziamento citato nella convenzione.

Il Sindaco risponde che l’amministrazione conta di inoltrare la richiesta di finanziamento anche alla Regione che però finanzia solo gli investimenti in conto capitale. Questa convenzione è stata predisposta dalla Provincia di Milano che ha acquisito tutti i necessari pareri sindacali, legali. Il comune di Locate di Triulzi sarà il capofila in quanto è stato il primo a battersi per il problema della sicurezza.

Il Consigliere Roncaglio chiede chiarimenti relativi alla dotazione dell’arma di cui art. 6 della convenzione, in quanto i nostri vigili non ne sono muniti.

Il Sindaco spiega che al progetto aderiranno altri corpi di Polizia Locale dotati di armi, e il servizio sarà svolto da pattuglie miste.

Il Consigliere Ambrosetti rileva la necessità dell’aumento di personale della Polizia Locale e si chiede come possiamo aderire ad un progetto di sicurezza con personale senza arma.

Il Sindaco risponde che negli ultimi anni c’è stato un incremento di personale, segue precisando che il numero di reati non è cambiato, ma è aumentato il grado di percezione relativo alla sicurezza da parte dei cittadini e a tal riguardo l’amministrazione di sta attivando.

Il Consigliere Tadini chiede maggiori chiarimenti sui contenuti della convenzione e rileva la necessità di visionare il progetto; propone per l’accoglienza della nuova popolazione che si incrementerà nei prossimi anni, un progetto educativo che consiste nella presenza della Polizia Locale nell’ambito scolastico.

Il Vice-Sindaco Ferrari comunica che la convenzione con altri comuni vicini serve per avere più risorse disponibili, considerando l’aumento delle stesse in previsione di ulteriori adesioni da parte di altri enti.

Il Consigliere Ambrosetti chiede se anche gli altri consigli comunali hanno interesse ad approvare la bozza di convenzione in questione.

Il Sindaco conferma che la proposta è all’esame per l’approvazione contemporaneamente negli altri due consigli.

Il Consigliere Roncaglio esprime la necessità di maggiore chiarezza prima della votazione.

Il Consigliere Ambrosetti rileva la necessità di mettere in condizione i vigili di muoversi in modo sicuro, dotandoli di arma.

Il Consigliere Carpana evidenzia i frequenti furti nel territorio di Locate di Triulzi e la necessità della sicurezza.

Il Sindaco risponde che l’Amministrazione Comunale ha il dovere di rispondere alle esigenze dei cittadini e per questo si sta impegnando per offrire loro un grado maggiore sicurezza mediante una serie di interventi minimi.

Il Consigliere Zancarini chiede il grado di rischio della Polizia Locale essendo senza arma.

L’Assessore Rota interviene precisando che il ruolo di agente di Polizia Locale è determinato da compiti specifici che svolge durante l’attività ordinaria e, in questo progetto, svolgerà gli identici compiti; comunica inoltre che dopo la convenzione il progetto verrà stilato tecnicamente dai Comandanti delle Polizie Locali ed approvato dalle Giunte.

Il Sindaco conferma che questo progetto è di competenza, per quanto riguarda le parti tecniche esclusivamente dei Comandanti.

Il Consigliere Ambrosetti insiste sulla dotazione dell’arma per la sicurezza della Polizia Locale. Il Sindaco risponde che la non dotazione dell’arma è una scelta politica.

L’Assessore Cantoni interviene rilevando che è di fondamentale importanza il coinvolgimento dei vigili del nostro territorio in questo progetto e che non è la pistola a dare più sicurezza; dà un indirizzo politico all’Assessore di competenza perché chieda al comandante di trovare momenti di confronto e discussioni con la vigilanza rilevando l’importanza all’adesione a tale progetto.

Il Consigliere Ceruti afferma che l’azione di violenza non si combatte con le armi.

Il Consigliere Ambrosetti interviene dichiarando che il cittadino ha diritto alla giustizia e pertanto deve essere garantita la sua incolumità fisica.

Il Sindaco ribadisce che la sicurezza non è garantita dalla presenza delle armi , come confermano le condizioni degli altri paesi forniti di arma e si esprime sfavorevole alla dotazione dell’arma alla Polizia Locale, continua dicendo che la presenza della Polizia Locale darà una garanzia in più ai cittadini, mentre la lotta alla delinquenza è di competenza delle forze dell’ordine, Polizia e Carabinieri. Conclude affermando che questa convenzione è un atto concreto di risposta ai nostri cittadini.

VISTA la proposta del Responsabile dell’Area Vigilanza e Sicurezza, allegata; VISTI i pareri favorevoli in ordine alla regolarità tecnica e contabile; VISTO il Testo Unico sull’Ordinamento degli Enti Locali; VISTO l’esito della votazione effettuata in forma palese:

CONSIGLIERI PRESENTI

 

N. 15

VOTI FAVOREVOLI

 

N. 10

VOTI CONTRARI              

N.0

 

ASTENSIONI

 

N. 5 (Carpana-Zancarini-Roncaglio-Tadini-Ambrosetti)

 

DELIBERA

 

CONSIGLIERI PRESENTI

 

N. 15

VOTI FAVOREVOLI

 

N. 10

VOTI CONTRARI            N.

0

 

ASTENSIONI

 

N. 5 (Carpana-Zancarini-Roncaglio-Tadini-Ambrosetti)

 

DELIBERA

di approvare la bozza di convenzione per la realizzazione di progetti per la sicurezza urbana come da proposta allegata del Responsabile dell’Area Vigilanza e Sicurezza.

 

 

Annunci

DELIBERE CONSIGLIO n.43 del 26/09/2007

DELIBERE CONSIGLIO n.43 del 26/09/2007

COMUNE DI LOCATE DI TRIULZI

Provincia di Milano
AREA AFFARI GENERALI

ORDINE DEL GIORNO IN TEMA DI AZIONI PER LA SICUREZZA DEI CITTADINI

 

Aperta la discussione si registrano i seguenti interventi:

 

Il Consigliere Roncaglio Luciana comunica che vi è stato un incontro fra i Capigruppo, nel corso del quale è stato concordato un testo comune, quindi dichiara di ritirare la mozione all’ordine del giorno, contrassegnata al punto n. 5);

 

Il Consigliere Malusardi conferma che si è trovato d’accordo, e ritira il testo dell’ordine del giorno, già presentato ed iscritto all’ordine del giorno, contrassegnato al numero 6);

 

Procede quindi nel dare lettura del testo concordato, di seguito riportato ed allegato al presente verbale:

 

Preso atto della mozione "Azioni per la sicurezza dei cittadini" presentata in data 30/05/07 dai Gruppi Consiliari "Insieme per Locate" e "Lega Nord-Padania", evidenziante le problematiche relative alla sicurezza;

 

rilevata

·         l’importanza e la priorità che questa Amministrazione ha voluto e vuole dare alla vivibilità, ai momenti di socialità e quindi anche ai temi inerenti la sicurezza, sia come prevenzione che come controllo del territorio

·         che le implicazioni relative a detto tema sono estremamente complesse e che due sono gli elementi portanti su cui porre l’attenzione:

l’opera indispensabile delle forze dell’ordine (nel ns. caso i Carabinieri e la Polizia locale)

volta al contrasto ed alla prevenzione dell’attività criminosa;

l’agire delle istituzioni al fine di creare le migliori condizioni possibili sia sociali che

ambientali per attenuare questo senso di insicurezza presente nella cittadinanza.

 

considerati i più recenti interventi diretti ed indiretti posti in essere dall’Amministrazione Comunale che hanno visto:

·         l’eliminazione di siti degradati potenzialmente a rischio;

·         l’incontro del sindaco con il Prefetto del 2 agosto unitamente ai sindaci dei comuni limitrofi;

·         l’aumento dell’organico della Polizia locale di una unità, unitamente all’assegnazione di un addetto amministrativo e la previsione in pianta organica di un ulteriore incremento di una persona, al fine di un maggiore e mirato controllo del territorio, non solo riferito al presidio fisico ma soprattutto a quello conoscitivo delle varie realtà del ns. paese;

·         la costante e proficua collaborazione con gli organi istituzionali preposti e con l’Anna dei Carabinieri che ha portato ad esempio al servizio sperimentale della "Stazione mobile" sul ns. territorio, oltre che all’incremento di organico della stazione di Pieve Emanuele;

 

tenuto conto

·         di un progetto in fase di sviluppo con la Provincia nell’ambito della "sicurezza partecipata" finalizzato alla gestione associata di alcuni servizi di Polizia locale con i comuni di Opera e Pieve Emanuele;

·         che è allo studio un progetto di videosorveglianza a tutela del patrimonio edilizio comunale, scolastico e di particolare interesse pubblico;

Ritenendo necessario e prioritario proseguire l’opera intrapresa il Consiglio Comunale

 IMPEGNA IL SIG. SINDACO E LA GIUNTA COMUNALE

 

– ad attivarsi affinché il servizio di "stazione mobile" dei Carabinieri diventi permanente;

 

– a definire ed intraprendere tutte le azioni, collaborazioni (con altre Istituzioni come Comuni limitrofi, Provincia, Regione, associazioni ecc.), finanziamenti e quant’altro possa portare ad un miglior presidio del fenomeno della sicurezza e ad una miglior vivibilità per i cittadini, nonché

 

continuare una politica di partecipazione e socializzazione nel paese. Il Sindaco prende atto della proposta concordata dai Capigruppo;

 

Il Consigliere Ambrosetti Giordano esprime la propria soddisfazione circa l’accordo raggiunto su un argomento così importante;

 

Esaminata la discussione, il Consiglio Comunale, con voti unanimi espressi per alzata di mano

DELIBERA di approvare l’ordine del giorno nel testo sopra riportato.

 

Si dà atto che l’ordine del giorno approvato verrà pubblicizzato mediante manifesti da affiggere nel territorio.