Giordano Ambrosetti

CONSIGLIERE COMUNALE Forza Italia Gruppo Consiliare Locate Nuova

PERCHE’ HO VOTATO CONTRO ALLA DELIBERA SULL’APPLICAZIONE DELLA TASI

PERCHE’ HO VOTATO CONTRO AL TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI  TASI

foto consiglio di enzo donofrio

FOTO DI ENZO D’ONOFRIO

La mia contrarietà è legata innanzitutto all’iniquità della TASI e alla legge che l’ha introdotta. Anche se viene definita come tassa sui servizi indivisibili, tuttavia appare come una imposta patrimoniale, poiché di fatto va a sostituire l’IMU sulla prima casa, per noi bene sacro e intoccabile: il fine è chiaramente quello di assicurare alle casse comunali il gettito delle entrate IMU, diminuite per effetto della soppressione di questa imposta sull’abitazione principale. L’ iniquità della TASI si rivela doppiamente anche nella modalità di determinazione delle tariffe: pur essendo una tassa sui servizi indivisibili, le tariffe non vengono calcolate in base al numero dei componenti il nucleo familiare, ma in relazione alla rendita catastale (proprio come avviene per l’IMU), senza considerare il fatto che, siccome l’aggiornamento del catasto non è ancora avvenuto, i cittadini si ritroveranno a pagare la tassa su una presunta rendita immobiliare, che non corrisponde a effettiva realtà. Premesso ciò, non condivido l’applicazione da parte della Giunta sia della aliquota proposta sia delle detrazioni sulla rendita catastale, che a mio avviso sono astratte e non tengono adeguatamente conto della reale situazione economica delle famiglie. La legge prevede le detrazioni, anzi per i comuni che adottano la maggiorazione dello 0,8 per mille viene stabilita l’obbligatorietà, ma non è impositiva riguardo alla loro tipologia. La scelta politica delle detrazioni sull’immobile ancora una volta rivela che la preoccupazione principale di questa Amministrazione è quella di far tornare i conti, senza considerare la capacità contributiva delle famiglie sul territorio: vorremmo ricordare al Sindaco che una famiglia che vive in una abitazione con rendita catastale alta può anche avere, a causa della crisi economica, entrate mensili molto basse come, di contro, chi vive in una casa dalla rendita immobiliare bassa può avere un tenore di vita economicamente più che soddisfacente. Per questo noi avremmo proposto detrazioni in base alle esigenze del nucleo familiare, considerando anche la preoccupante condizione di famiglie con la presenza di disoccupati o di persone disabili e anziane a carico. Questa Amministrazione, figlia della precedente, afferma in continuazione di dare la priorità al settore sociale, ma ciò non è affatto credibile; dovrebbe in realtà partire dall’attenzione alle necessità particolari dei singoli e delle famiglie, prima ancora di ricorrere ai contributi economici, che sono certamente necessari purché accompagnati da un impegno fattivo per risolvere o alleviare le situazioni di disagio, come avrebbe potuto dimostrare in questo caso e come purtroppo non ha dimostrato.

Per questi motivi ho votato contro.
Locate di Triulzi, 15 luglio 2014

 

Giordano AMBROSETTI

Consigliere Comunale

GRUPPO CONSILIARE LOCATE NUOVA

 

No comments yet»

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: